the predator

The Predator – Ricciotto 322

Il nuovo Predator mi sembra che faccia bene la cosa più difficile da mettere in campo (inventarsi qualcosa di nuovo da dire) e poi inciampi in quella che sulla carta era la più semplice, per il regista e sceneggiatore Shane Black, cioè gestire l’intreccio e i personaggi. Però Andrea Di Lecce ha una spiegazione per questa mancanza: è colpa dei produttori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *